sul comò di fronte, osservai nuovamente la sua foto, mentre scrive ricurvo sul foglio di carta e con la penna nel palmo della mano. Anna vide il mio interesse verso quel particolare scatto fotografico e da qui, mi spiegò una assai importante caratteristica di suo fratello. Bruno, racconta Anna, non aveva bisogno di rileggere e correggere i propri articoli; gli era sufficiente meditare quel giusto che serviva e quindi appoggiava la penna sul foglio senza soluzione di continuità, come un fiume che scorre tranquillamente verso il mare. Toccai con mano un concetto ampiamente diffuso: i grandi personaggi che hanno segnato la storia, come può essere un ingegnere o un pittore, sfruttarono magistralmente ciò che seppero fare meglio e questo era praticato come una forma di sfogo, assai proficuo e soddisfacente. Bruno non faceva assolutamente fatica a scrivere, lo faceva di getto! Era la sua natura. Molte erano le volte che sua sorella lo rimproverava perché dedicava tempo a richieste di dediche che provenivano dalla gente comune. Gli veniva facile e rispondeva personalmente ad ogni lettera che proveniva dai suoi numerosi lettori a lui affezionati. Dal punto di vista giornalistico, era estremamente prolifico. Sono oltre tremila gli articoli per La Gazzetta dello Sport.
Raschi mentre scrive un articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra ed accetti la nostra politica sulla Privacy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi