Compiano, fra i 50 borghi più belli d’Italia, ha ospitato forse la più violenta lite sportiva fra due grandi campioni del ciclismo italiano: Moser e Saronni. Acerrimi rivali. Era il 1981, fine giugno. A Compiano si svolse l’unica prova del Campionato Italiano, fortemente voluta da Lauro Grossi – il borgotarese che fu due volte sindaco di Parma – e Bruno Raschi. Erano previsti 19 giri di un circuito praticamente in salita. Una gara quasi disumana per lo sforzo richiesto: 237 km e 3800 mt di dislivello. Una prova di altri tempi che fu teatro di uno scontro brutale fra un giovane Saronni e il campione Moser. Due generazioni in contrasto, inevitabilmente in successione. Un banale sbandamento di Moser, un irrispettoso e alquanto ardito rimprovero di Saronni scatenò la furia del trentino. L’esito è noto: una volata imperiale di Moser su tutti gli altri. Oltre 50 mila persone lungo il percorso per una edizione del Campionato Italiano decisamente storica. Trentanni dopo – 9 giugno 2011 – i due giganti del ciclismo italiano e mondiale, si incontrarono nuovamente a Compiano, in occasione del premio “Compiano Sport”. Entrambi vennero premiati dal giornalista Beppe Conti per il prestigio della loro storia di atleti. Insomma, un altro importante pezzo di storia del ciclismo in Valtaro. Un gran bel pezzo di storia.

La cronaca della storica giornata è ben raccontata da Mario Silvano di Cicloweb.it – vi consiglio la lettura.
leggi »
Mario Silvano è anche il proprietario delle foto.
vedi altre »
campionato italiano compiano 1981
Saronni
"irriverente"
La rivalità con Moser era già consolidata ma quella frase ardita e alquanto irriverente di Saronnni - "se non sai andare in bici, allora puoi stare a casa" - scatenò la furia del trentino. Alla fine dei conti, Saronni ricevette una lezione dal "vecchio" Moser.
campionato italiano compiano 1981
Beccia
la fuga
A tre giri dalla fine, Mario Beccia cercò la soluzione solitaria e passò in cima alla salita con 24 secondi di vantaggio ed incrementò il suo distacco sino a superare il minuto. Era un tentativo interessante che impensierì i favoriti.
campionato italiano compiano 1981
disumano
il circuito
Ancora oggi si rimane stupiti dalla durezza del percorso, con i suoi 3800 mt di dislivello complessivo. Chi ha pedalato sul circuito, è in grado di immaginare che razza di doti atletiche hanno espresso i protagonisti di quella giornata.

Il percorso

Chi pedala in Valtaro conosce il circuito e quasi all’unanimità, si ritengono disumani i 19 giri previsti nel 1981. Un circuito praticamente in salita con solo 2,5 km di falsopiano attivo fino ai piedi del Castello di Compiano. La salita misura 5 km. Non particolarmente impegnativa sul singolo giro ma indubbiamente nervosa. Il primo strappo, il passaggio sotto le mura del castello, misura 1,5 km con punte oltre il 10% di pendenza. Dopo il cimitero, la strada spiana leggermente fino a scendere per un breve tratto (meno di un km). Al terzo km la strada ritorna a salire con uno strappo secco di 600 mt che anticipa un falsopiano di 1,5 km. L’ultimo km – scarso – non è impegnativo ma ogni volta che lo si affronta, ci si chiede come abbiano fatto ad affrontarlo 19 volte. La discesa è breve e tortuosa; misura poco più di 2 km. In questo punto, Moser affondò il suo attacco alla corsa.